martedì 29 marzo 2011

Non ho niente da mettermi!

Postilla all'articolo di ieri.


Era necessaria. Doverosa.
Dopo una rivoluzione ci si aspetta di stare meglio. Se la rivoluzione in questione riguarda il ribaltamento dell'intero guardaroba, vorrà dire che da oggi non ci saranno più problemi di vestiario. La quiete dopo la tempesta. Al massimo qualche indecisione derivante dall'ampia scelta. Abbinamento colore. Gonna o pantalone. Casual o elegante. Invece no.


A distanza di qualche ora da quello che doveva rappresentare la pace in ambito familiare, quell'esclamazione - "ma sai che non ho niente da mettermi!". Dalla camera da letto giungeva in cucina a squarciare la serenità del risveglio.


Il frollino si bloccò all'altezza della trachea. La mano allentò la presa dalla tazza. Gli occhi fissarono la macchia di marmellata sulla tovaglietta. L'udito s'incantò nell'ascoltare il suono della moka mentre il caffè fuoriusciva. 


Un momento di catalessi, interrotto solo dalla sua entrata in scena. "Oggi ho una riunione importante e non so proprio come vestirmi... ho trovato questo... come ti sembra?".


Qualche secondo di pausa, nell'attesa che tutto il corpo riprendesse coscienza di sé. Dopodiché con sguardo alla Humphrey Bogart in Casablanca, dopo un profondo sospiro, l'enunciazione: "Cara... non potevi indossare abito migliore... sei bellissima".


Lei rassicurata torna in camera a terminare di sistemarsi. Tragedia scampata. Si inizia a fare seriamente colazione. E poi dicono che noi uomini non serviamo a nulla.


Peace & Coffee.

2 commenti:

MO:) ha detto...

ora ti svelo l'arcano: lei aveva già deciso... quella era una domanda retorica ;)

Anonimo ha detto...

POST DELLA SERA
Betta hai rischiato grosso, ma lo spirito di sopravvivenza ti ha salvato.
Lo sai vero che sabato inizierà lo shoppingpostcambioguardaroba ?
Auguri Betta (se vuoi ti passo il numero verde per bloccare il bancomat..)

by markusbynight