mercoledì 8 giugno 2011

Giù le mani dalla borsa

E' un oggetto misterioso. La spacciano per accessorio moda, ma è molto di più. E' un estensione del gentil sesso. Difficilmente se ne separa. Ne esistono modelli diversi. Ognuno in grado di soddisfare bisogni e occasioni d'uso differenti.


Da parte sua l'uomo un po' la teme. L'osserva. La scruta. La fissa. Come se in questo modo riuscisse a carpirne il contenuto. Cosa questa impossibile. 


Fantasticando si arriva a teorizzare che abbiano un doppio fondo. Alcune anche triplo. Supposizioni date dal numero infinitesimale di oggetti che riescono a contenere. I più maligni diffondono la voce, che all'interno venga custodito anche un elisir d'amore, usato a discrezione delle donne per fare innamorare la preda maschile di turno.


Tornando con i piedi per terra, comunque un alone di magia attorno ad essa lo conserva. Sarà per questo che mai gesto più inconsulto è quello di introdurre le mani nella borsa della compagna. Alcune relazioni si sono interrotte dopo tale inopportuna azione.


Si viene anche messi alla prova in talune circostanze. Capita provocatoriamente di esseri invitati con aria innocente a rovistare al suo interno. Le scuse sono le più banali - "caro mi passi le chiavi che ho lasciato dentro la borsa... mi prendi il cellulare nella tasca interna della borsa". Puri tentativi di essere colti in fallo e se non si è desti nel consegnare la borsa alla legittima proprietaria, invece di metterci le mani dentro, scatta un altisonante "ma cosa fai? mi frughi nella borsa... dovevi solo prendermela... che mi arrangiavo".


E in tanto il tempo trascorre e nemmeno i più illustri scienziati si sono pronunciati sul contenuto di queste borse. La voglia di svuotarne una è tanta, ma il rischio di essere messo al bando come eretico è elevato.


Lasciamo perdere. Continuiamo nel limitarci ad osservarla. Non si sa mai che prima o poi, compia un passo falso. Potrebbe rovesciarsi e nel rovesciarsi far fuoriuscire il suo contenuto. Chissà. Comunque sia quel giorno sarà un grande giorno per tutti noi. Noi uomini.


Photo Credits

5 commenti:

Anonimo ha detto...

che dire delle borse con le firme false? al bando! se non puoi permettertela compra una borsa da pochi schei, evitando di sfruttare il lavoro minorile e di aiutare la malavita!

Anonimo ha detto...

le mie borse indipendentemente dalla grandezza sono sempre piene fino all'"orlo" ;) .... che sia pochette o borsona riesco a riempirla di tutto ;))) ... e non vi dico cosa riesco a trovarci dentro ora che ho anche i bimbi!!!! ;))

Monica:) ha detto...

A misura di libro era il criterio con cui comperavo le borse, se non ci potevo cacciar dentro un bel libro allora non valeva la pena.

Ora la borsa è semivuota, a volte mi scordo anche i fazzoletti per le bimbe... che disastro di mamma d'altronde sono o no una unconventional mom ;)

deborah ha detto...

Io non so mai esattamente che cos'ho nelle mia borsa. A parte, intendiamoci, le cose essenziali tipo portafoglio e chiavi, il contenuto della mia borsa può riservare inaspettate sorprese. Soprattutto per una caotica che tende a cambiare borsa ogni giorno, lasciando parte del contenuto in quella vecchia.
Allora capita che:
all'inizio di ogni nuova stagione peschi il biglietto d'ingresso a qualche spettacolo della stagione precedente e sospiri di nostalgia.
Oppure che riesca miracolosamente a calmare il pupo irrequieto durante un viaggio in vaporetto ripescando miracolosamente la sorpresa dimenticata di un ovetto kinder.
O ancora, per fare solo alcuni esempi:
di trovare una penna quando prorpio non ti serve e di pensare
Ok.nella mia borsa oggi ho prprio tutto, pure la penna.
E, naturalmente, di scavare e scavare con la mano per trovare la penna suddetta, al momento in cui serve, ma di non trovarla, perchè quella mattina.....hai cambiato borsa!

deborah ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.